Il Mondo dell'INCI con Barbara

INCI di Cosmetici Tradizionali, Naturali e Biologici. Recensioni Cosmetiche e tanto altro.

Archivio Ottobre 2012

Cos’è l’ inci in un cosmetico?

Scritto da: ingredienticosmetici (INCI) il 9 Ottobre 2012

L’ inci (international nomenclature of cosmetic ingredients) è l’elenco degli ingredienti cosmetici.

Ogni cosmetico immesso nel mercato ha l’obbligo di riportare in ordine decrescente l’ingrediente con la percentuale più alta e, a seguire quelli con la percentuale più bassa.

Gli ingredienti che non hanno subito processi chimici sono espressi col loro nome botanico latino e lingua inglese, ad esempio Ricinus Communis Oil (olio di ricino).

Le altre sostanze invece che hanno subito un trattamento chimico, hanno un nome inglese, esempio “Sodium laureth Sulfate” “sodio lauriletossisolfato”.

I coloranti (C.I colour index) sono indicati sempre in fondo, seguiti da un numero identificativo, esempio ci 77891.

Petrolatum, paraffinum liquidum, vaselina, mineral oil: sono derivati dalla raffinazione del petrolio, inquinanti, comedogenici e inseriti recentemente dalla direttiva europea tra i cancerogeni di classe II.

Quasi tutte le cose che finiscono in -one, -thicone, -siloxane: sono siliconi. Tutti sintetici, non biodegradabili, nessuno ne ha studiato gli effetti a lungo termine sulla pelle. Formano una patina che fa sembrare la pelle liscissima, ma non hanno nessuna funzione attiva e cioè non idratano!

IPEG e PPG: derivati petroliferi che contengono anche minime tracce di diossano e ossido di etilene.

DEA, MEA, TEA (es. triethanolamine), MIPA: sintetiche, pericolo formazione nitrosoammine.

l’EDTA (es. tetrasodium EDTA): poco biodegradabile, per cui solubilizza i metalli pesanti inquinando le acque e avvelenando i pesci.

Il carbomer assieme a radici quali crosspolymer o acrylate(s) o styrene o copolymer o nylon: sintetici e derivati petroliferi.

DMDM hydantoin, imidazolidinyl urea, diazolidinyl urea, formaldheyde, methylchloroisothiazolinone, methylisothiazolinone, sodium hydroxymethylglycinate, chlorexidine: rilascio di formaldeide.

I triclosan: molto attivo, allergenico, si accumula nel corpo e si ritrova anche nel latte materno.
nonoxynol o poloxamer: sintetici, allergenici, causano sterilità e sono probabili mutageni.

Iso- -trimonium e i -dimonium sono sintetici e tossici per gli organismi acquatici e poco biodegradabili, come anche i glicol (solvente petrolifero).

SLES/SLS: Si tratta di tensioattivi ritenuti troppo aggressivi, che possono risultare addirittura nocivi per la pelle. I tensioattivi sono molecole che permettono di diminuire la “tensione” dello sporco in eccesso sul capello e sul cuio capelluto, facendolo scivolare via con l’acqua. Vista la loro funzione strategica nella detersione, è fondamentale che siano quanto più delicati possibile.

PARABENI: Sono conservanti chimici usati in cosmetica da oltre 50anni. Questo utilizzo massivo ha causato un’ipersensibilizzazione diffusa che soggettivamente può causare irritazioni. Meglio evitare la formulazione con queste tipologie di consevanti.

SILICONI: Sono oli sintetici che creano una guaina sul capello, facendolo sembrare più lucido. Hanno un noto problema di bioaccumulabilità, ovvero non sono biodegradabili.

COLORANTI CHIMICI: Servono per dare una colorazione gradevole ai prodotti , ma con l’uso prolungato possono causare allergie.

OLI DERIVATI DAL PETROLIO: Ammorbidiscono i capelli, ma creano un film pesante ed untuoso che impedisce loro di respirare e di assorbire l’umidità e i nutrienti.

Io ho scoperto da poco cos’era l’inci in un cosmetico, all’ inizio vi sembrerà tutto arabo, ma credetemi che mano a mano ci farete l’occhio come me, e farete più attenzione all’acquisto della vostra crema viso abituale, detergente intimo o bagnoschiuma.

A me è stato molto utile anche l’uso del http://www.biodizionario.it/ dove con dei semplici pallini verdi, gialli e rossi, ti spiegano se è ok e il  tipo di componente.

Molto utile anche questo forum http://forum.saicosatispalmi.org/ dove io, ho trovato validi consigli.

Archiviato in Argomenti vari | Non c’è ancora nessun commento.